Il confine tra la bellezza e la conoscenza, ad Agrigento