Akragas, tutti arresi ma non la squadra