Martedi 28 06 2016 - Aggiornato alle 11:30

Reportage

Spazi urbani Le nuove piazze da metabolizzare

Il primo risultato, positivo, è quello di aver sottratto quei luoghi alle auto. Sarà interessante assistere ora a come questi due spazi incistati nel cuore della città vecchia, verranno accolti dalla quotidianità dei cittadini, che tipo di riconoscibilità avranno e a quale uso verranno destinati

di Davide NataleUltimati i lavori di riqualificazione, la città può contare su due nuovi spazi urbani. Il primo risultato, positivo, è quello di aver sottratto quei luoghi alle auto. Adessso sarà molto interessante assistere a come questi due spazi incistati nel cuore della città vecchia, verranno accolti dalla quotidianità dei cittadini, che tipo di riconoscibilità avranno e a quale uso verranno destinati

FOTO

Piazze Lena e San Giuseppe
Artisti e social bocciano i massi di Silvio Benedetto

Commenti ()

Street food a Licata
I chioschetti profumati di Fish&Co. FOTO

Moltissimi stand, decine di diverse proposte culinarie, tutto rigorosamente immerso nell'olio bollente e dorato ad arte: pizza fritta, polpettine, fish and chips (con la paranza e la triglia, mica americanate), paninetti col tonno e le acciughe, fiumi di birra e perfino un corner Aperol Spritz. Una

di Valentina Oliveri

Commenti ()

Testimonianze
Il dramma dei migranti e dei “nuovi” apolidi rispediti ad Haiti

Commenti ()

Quarant'anni dopo
Rabato, le pallonate a San Francì come ai vecchi tempi FOTO

Commenti ()

Valle dei templi
Kolymbethra, una fermata ferroviaria nel cuore della storia di Akragas

Commenti ()

Agostino Spataro
Quanti dovranno morire per cambiare politica?

E' necessario chiudere il capitolo del soccorso in mare e aprire quello dell’immigrazione regolare. Non serve recriminare, ma proporre giuste soluzioni. Servono accordi bilaterali e multilaterali d’immigrazione. La cooperazione per aiutarli a restare e per organizzare il futuro del mondo

Commenti ()

A Favara
Scambio di vesti fra l'imam e il francescano, Montenegro: “Viviamo insieme senza paura” VIDEO

Dal convento dei Frati minori di Favara il 26 febbraio è partito un grido di dialogo e speranza, con una Marcia per la pace tra musulmani e cristiani e migliaia di partecipanti

Commenti ()

scrivi alla redazione